lunedì 5 luglio 2010

Ticino ultramarathon 2010

27/6/10 Ticino Ultramarathon 58km strada/montagna 1650 dislivello +
dopo aver fatto gli esami del sangue ed aver avuto la conferma di essere anemico,
ferritina bassissima con conseguente stanchezza e difficoltà di recupero,non era indicato partecipare ad una Ultramaratona per di più con dislivello positivo importante concentrato tutto nei primi 20 km,ma la sfida era riuscire a portare a termine la gara e dimostrare a me stesso chi fossse più forte la mia volontà o il mio fisico, visto le ultime vicissitudini(fermato al 35km della Monza-Resegone x stomaco e ipotermia)mi sono posto come obiettivo il raggiungimento del traguardo senza stress da crono.Partiamo in pochi,bella giornata che si preannuncia calda,dopo 4 km in piano lungo il fiume,comincia la salita che ci porterà in cima al Gesero a 1850mt +,il percorso è tutto su asfalto,la strada di montagna a traffico controllato(ho incontrato pochi mezzi)fortunatamente è quasi tutta in ombra,attraverso boschi e ruscelli,salendo il paesaggio e sempre più bello,corro al mio passo la salita per il momento è corribile,le sensazioni sono buone,sto bene mi prefiggo di andare avanti così,dopo alcuni km cambia la pendenza e inserisco la ridotta,ci sono dei pezzi dove è meglio camminare visto la % di pendenza,la vista si allarga e si vede sotto tutta la valle di Bellinzona,il paesaggio è molto bello attraversiamo alpeggi e baite in perfetto stile montanaro,si diradano gli alberi e arrivo al ristoro del Gesero,dopo il ristoro ci sono ancora un pò di sali e scendi tipo mangia e bevi su sterrato,poi una lunga galleria senza luci con effetto "vedo la luce in fondo al tunnel" la cosa mi diverte con conseguenti pensieri e accadimenti abbinati a vita vissuta,finita la galleria comincia la discesa,attraverso il ristoro/controllo della località Laura, continuo a scendere,dopo parecchi km di discesa,comincio ad annoiarmi,è veramente lunga sono 14km di discesa continua,arrivo al fondo valle al paese di Roveredo,il caldo si fà sentire siamo intorno alle 12,00,il sole picchia forte sul percorso non c'è un filo d'ombra,dopo il ristoro del 40km circa,fortunatamente si entra nel bosco e si corre lungo il fiume,fino al ponte di Arbedo dove ci dirigono verso Claro,il percorso è piatto in mezzo al nulla corro in una piana in mezzo ai campi con il solleone a picco sulla testa,soffro il caldo e ho qualche difficoltà a continuare,mi fermo ad ogni fontana ad immergere il capo per rinfrescarmi,questo è il pezzo più duro di tutta la gara anche se è totalmente in piano,sole forte,qualche svarione per il caldo,solitudine (eravamo in pochi alla partenza,la gara l'ho corsa tutta da solo)dubbi sulla corretezza del percorso(le indicazioni non sempre avevamo una costanza di segnalazione)ho fatto fatica,mentale e fisica ad arrivare al ristoro di Claro fortunatamnete in ombra e con una bella fontana dove mi immergo letteralmente.Il percorso continua nel bosco per poi arrivare lungo l'argine del fiume che costeggerò fino al traguardo posto al centro sportivo di Bellinzona.
Chiudo 9° in 7,08h un tempo alto,ma sono soddisfatto lo stesso per essere riuscito a portare a termine la gara,viste le mie condizioni fisiche e il grande caldo.
Premi e fiori per tutti,buona organizzazione.
Unico suggerimento cambiare il percorso togliendo gli ultimi 10 km di totale pianura sotto il sole,che poco si addicono alla prima parte con salite,discese e paesaggi molto belli.